» Politica
sabato 15/04/2017

Rai, c’è l’ordine di Renzi: Campo Dall’Orto se ne andrà

Il direttore generale ha rotto con l’ex premier e ha capito che il Cda è pronto a mandarlo via: o si dimette subito o aspetta la “sfiducia” del 4 maggio

Antonio Campo Dall’Orto l’ha capito da un po’. Da quando Matteo Renzi ha smesso di chiamare e i messaggi, non proprio di apprezzamento, gli sono arrivati tramite i consiglieri renziani che siedono in cda Rai, rapidi nel mutare atteggiamento, prima sostenitori e poi detrattori. Il direttore generale l’ha capito da un po’: l’esperienza in Viale Mazzini è finita con un anno di anticipo. Ora dovrà scegliere le modalità di uscita: con le dimissioni, da rassegnare nei prossimi giorni oppure con la sfiducia in Cda – già fissato il 4 maggio – per guadagnarsi le stimmate dell’epurato, però accanto alle impronte digitali dell’ex amico Matteo.

Il rapporto con l’ex premier era compromesso dal referendum (Renzi gli ha imputato lo scarso supporto della televisione pubblica), ma la situazione è precipitata con l’inchiesta di Report sul salvataggio del quotidiano l’Unità e i benefici che ne avrebbe tratto la nuova proprietà, la Pessina costruzioni. Campo Dall’Orto s’è comportato in maniera molto corretta con la trasmissione di Rai3, senza ostacolare la messa in onda, mentre gli avvocati di Renzi spedivano lettere per minacciare querele. L’ex premier ha trascorso lunedì e martedì al telefono con i consiglieri renziani in Cda, soprattutto con Guelfo Guelfi e Rita Borioni, armati per rovesciare il capo dell’azienda. Guelfi ha definito “ignobili” certe trasmissioni e, senza perifrasi, ha svelato il pensiero di Renzi. Campo Dall’Orto ha fallito su Rai3, lì dove il renzismo non ha attecchito mai e lì dove resiste un’eredità di sinistra.

Oltre all’ultimo episodio di Report, l’ex premier non ha gradito la riconferma di Lucia Annunziata e la prima serata affidata a Bianca Berlinguer. Il mandato di Campo Dall’Orto, però, è disseminato di errori. Per esempio, l’Autorità Anticorruzione è costretta a intervenire di nuovo sulla nomina di Genséric Cantournet, il responsabile della sicurezza, selezionato da una società del padre e non ancora rimosso. E ancora: troppi esterni assunti, ritardi sul progetto editoriale, i conflitti sul piano di produzione, i conti abbelliti con l’extra-gettito del canone. Così Paolo Messa spiega la posizione sul bilancio: “La mia astensione è una bocciatura nel merito che non riguarda i palinsesti, ma i numeri della gestione e la governance più in generale. I verbali degli ultimi mesi testimoniano con chiarezza come sia stato il vertice aziendale a sfiduciare il Consiglio aggirandolo costantemente e senza neppure tenere conto dei rilievi di Anac. Quella di questi giorni non è una valanga improvvisa, ma una frana che lentamente si avvicina a valle”. Campo Dall’Orto non dispone di estimatori nel governo, ma l’azionista Tesoro e il premier Gentiloni sanno che toccare la Rai scatena sempre delle tensioni politiche.

Il presidente Monica Maggioni è pronta a subentrare a Campo Dall’Orto per una “reggenza” di un anno, in questi giorni ha rassicurato il Cda e la politica per suggerire una soluzione comoda. La giornalista avrebbe il consenso dei consiglieri e la copertura del centrodestra. Il direttore generale defenestrato dal partito che l’ha promosso è un classico di Viale Mazzini. Ma va riconosciuto un merito a Renzi: è la prima volta che un cittadino, al momento sprovvisto di cariche politiche, licenzia il dg Rai.

© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Derive web

La bufala contro la Boldrini: “La sorella fa affari coi migranti”

Ci risiamo. La bufala circolata ieri in Rete vedeva un fotomontaggio dell’attrice americana Krysten Ritter spacciata come “Luciana”, la sorella minore (peraltro morta) della presidente della Camera Laura Boldrini, a capo di 340 cooperative che si occupano della gestione migranti. Un altro sito le attribuiva una pensione maturata a soli 35 anni. Arriva presto la smentita della presidente Boldrini su Facebook: “Lo voglio dire a ridosso delle feste di Pasqua, quando ci si riunisce in famiglia. La mia unica sorella, morta anni fa per malattia, non si è mai occupata di migranti. Non si chiamava nemmeno Luciana, ma Lucia”. La Boldrini si rivolge a quanti hanno condiviso queste menzogne, ma in particolar modo “a chi ha creato queste false notizie, personaggi senza scrupoli, sciacalli che non si fermano nemmeno davanti ai morti”. La presidente della Camera ha già preso parte a un’iniziativa a fine novembre contro l’odio in Rete, ha lanciato la petizione #BastaBufale, e venerdì 21 aprile ospiterà alla Camera quattro tavoli di lavoro per approfondire il tema. Tra gli invitati Google e Facebook: la Boldrini ha scritto a Mark Zuckerberg, affinché istituisca in Italia un ufficio che risponda a chi chiede di bloccare contenuti offensivi.

Politica
I guai di Palermo

Firme false, Grillo duro: “Nuti & C. via dal gruppo”

Il fondatore del Movimento Cinque Stelle, Beppe Grillo, ha deciso di espellere i parlamentari coinvolti nell’inchiesta firme false di Palermo. L’ordine, come al solito, arriva dal blog: “In seguito alle dichiarazioni dei portavoce sospesi dal MoVimento 5 Stelle Nuti, Mannino e Di Vita riportate dai giornali, in cui viene attaccato il candidato sindaco del MoVimento 5 Stelle a Palermo e in cui vengono fatte considerazioni sulla magistratura che non coincidono con i nostri principi, verrà chiesto ai probiviri di valutare nuove sanzioni oltre a quelle già applicate.” E aggiunge: “Ho anche chiesto ai capigruppo del MoVimento 5 Stelle di raccogliere le firme dei parlamentari necessarie per indire la votazione dell’assemblea dei parlamentari per procedere anche alla sospensione temporanea dal gruppo parlamentare dei sospesi, fino a che sarà in vigore la loro sospensione dal MoVimento 5 Stelle come già stabilito dai probiviri”. Ma l’ex capogruppo Nuti conta ancora di forte consenso tra i deputati M5S e dunque non è scontata la decisione dell’assemble che deve decidere della loro sospensione dal loro gruppo parlamentare.

La Cattiveria

La Cattiveria del 15/04/2017

Politica

“La libertà è sacra”: quando i renziani difendevano Report

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×