» Cronaca
giovedì 08/12/2016

Leonardo-Finmeccanica e quello sconto all’impresa che ora va ai Renzi boys

Leonardo-Finmeccanica ha venduto per 100 mila euro un’azienda redditizia ad Ads, di cui è vicepresidente Chicco Testa, senza considerare un’offerta da 700.000

Un socio della famiglia Renzi, Luigi Dagostino, un quasi ministro del governo Renzi, Chicco Testa, e i figli di un amico di Licio Gelli: Andrea e Amedeo Moretti. Ecco da chi è composta la cordata che oltre a comprare in questi giorni Ads (120 milioni di fatturato nell’informatica) e oltre a puntare domani a Vitrociset (fattura 160 milioni controllando il traffico aereo e le reti delle forze di polizia) beneficerà ora dei profitti di un ramo d’azienda venduto alla Ads nel 2015, quando loro non erano nella Ads, a un prezzo stracciato da Finmeccanica.

Selex, società controllata da Finmeccanica o meglio Leonardo, come si chiama ora la società controllata dal Tesoro, ha venduto con atto notarile il 1° dicembre 2015 per 100 mila euro il ramo di azienda Ants alla società Ads di Pomezia. Già il 5 novembre era stato siglato l’accordo privato tra le due società ma il 9 novembre 2015 (quindi quattro giorni dopo la firma dell’accordo privato e 22 giorni prima l’atto pubblico davanti al notaio) un manager interno al ramo d’azienda in via di cessione propone con una lettera inviata all’amministratore delegato di Leonardo Mauro Moretti, oltre che ai vertici di Selex Es, di comprare lui a 700 mila euro il ramo della sua azienda mediante la formula del management buy out. Per conto di Selex Es, proprio l’attuale dirigente del settore in Leonardo, Andrea Biraghi, risponde il 19 novembre che Selex aveva già firmato con altri accordi “vincolanti”. Poteva Selex svincolarsi da quel contratto tra privati del 5 novembre non ancora firmato davanti al notaio? Poteva chiedere un rialzo fino a 700 mila euro ad Ads?

Sono questioni tecniche sulle quali però Moretti e Renzi dovrebbero dare una risposta ai cittadini che pagano le tasse. Il ramo d’azienda denominato Ants (Aautomatic network service test systems) fatturava circa 4 milioni di euro vendendo un prodotto di nicchia mirato al controllo della qualità delle reti telefoniche in tutto il mondo. Anche se oggi al Fatto gli acquirenti dicono: “Ants fattura solo 2 milioni” (Pietro Biscu) oppure “vale zero” (Luigi Dagostino), siamo sicuri che il prezzo fosse giusto? Dubbi che devono avere risposte soprattutto se si vede il destino successivo di Ads. All’epoca era controllata dalla famiglia Emiliani e dall’amministratore Pietro Biscu. Domani a beneficiare dei possibili profitti derivanti da quel ramo d’azienda potrebbero essere i soci entrati o entranti, che magari per un caso sono amici di Matteo o Tiziano Renzi.

Ads dal 1° aprile 2016 (cinque mesi dopo l‘a cessione’acquisto di Ans) ha come vicepresidente Chicco Testa, quasi ministro dello Sviluppo (e già socio nel 2014, sempre con una quota del 5 per cento, del famoso Marco Carrai, nella C&T Crossmedia) mentre soci, sempre da aprile con un 5 per cento in Ads, sono i suoi due figli Federico e Filippo Testa. La quota di controllo di Ads, azienda che è stata visitata a marzo da Renzi a braccetto con Testa, sta per essere comprata dalla Damo Investments Srl, controllata a sua volta con il 65 per cento da Luigi Dagostino, immobiliarista e re degli outlet di lusso come il The mall di Reggello. Proprio per fare eventi e marketing negli outlet, Dagostino ha creato due anni fa la società Party Srl con i genitori di Renzi che pochi mesi fa è stata messa in liquidazione.

Damo Investments è stata costituita a Firenze il 21 ottobre e ha come amministratore unico e socio al 65 per cento, come detto, Luigi Dagostino. Il restante 35 per cento appartiene alla società Pl Retail Spa, controllata da una società con base a Londra che ora è intestata a una quarantenne di nome Chiara Paghera ma che aveva come director Andrea Moretti, socio di Dagostino nella costruzione degli outlet e figlio di Antonio Moretti, un importante imprenditore che ora si occupa di vino ma che in passato era attivo nell’immobiliare e nella moda. Antonio Moretti, secondo il Corriere della Sera, era uno dei pochi aretini che ha avuto il coraggio di farsi vedere per salutare il defunto Licio Gelli un anno fa, e figurava negli anni settanta nelle carte del caso P2 perché chiese di entrare nella loggia segreta, senza risposta. Secondo lo stesso Dagostino dietro la Pl Retail c’è la famiglia Moretti e in consiglio di amministrazione di Ads dovrebbe entrare il fratello minore di Andrea, Amedeo.

Oggi Leonardo al Fatto spiega meglio quella scelta che potrebbe avvantaggiare oggi (ex post) i vari Testa, Dagostino e Moretti: “Selex Es ha ceduto il ramo Ants a fine 2015, in quanto l’attività, al pari di altre, non rientrava più nel core business del Piano Industriale di gennaio 2015. La proposta di vendita avanzata da Selex è stata valutata dagli organi interni preposti di Leonardo Finmeccanica coerentemente con le procedure interne in materia di dismissioni: la negoziazione condotta ha mostrato una convenienza alla vendita. L’offerta generica dell’unico dirigente incluso nel ramo d’azienda in cessione è stata ricevuta dopo la sottoscrizione del contratto e, pertanto, non è stata presa in considerazione. In ogni caso sarebbe stata nel suo complesso, meno conveniente”.

 

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
all’ombra del giglio magico

Aeroporti toscani, il gip: processate il sindaco dem di Pisa

Imputazione coatta. Questa l’ordinanza del gip del Tribunale di Pisa che ha respinto la richiesta di archiviazione dei pm nell’ambito dell’inchiesta sulla mancata adesione del Comune di Pisa all’offerta d’acquisto lanciata da ‘Corporacion America Italia’ sulle azioni di SAT per la fusione con l’aeroporto di Firenze. Un’operazione seguita dal Giglio magico. Il presidente di Aeroporti di Firenze è Marco Carrai, amico di Matteo Renzi. A far aprire il fascicolo era stata una relazione dei sindaci revisori del Comune. Due gli indagati: il sindaco Pd Marco Filippeschi e l’allora segretario generale del Comune, Angela Nobile. Le accuse, a vario titolo, erano di corruzione e falso in atto pubblico. Respingendo l’archiviazione, il gip ha obbligato il pm Giovanni Porpora a formulare l’imputazione per chiedere al gup il rinvio a giudizio di Filippeschi e Nobile. A rendere noti gli ultimi sviluppi è stato Filippeschi: “Sono pronto a fornire i documenti – ha detto – che possono comprovare la verità di quanto ho dichiarato”. L’inchiesta, secondo quanto ricostruito dal sindaco, riguarderebbe un possibile danno erariale al Comune derivato dalla non adesione all’opa, decisione presa dal sindaco anche sulla base di una relazione di Nobile.

Commenti

La Carta attuatela, non serve manometterla

Cronaca

“La politica è subalterna alle coop” ma l’inchiesta finirà in archivio

Femministe talebane, il problema non è quanto sia scollato l’abito
Cronaca
Le critiche - “Date un cappotto alla Lawrence”

Femministe talebane, il problema non è quanto sia scollato l’abito

di
“Almeno 15 soldati malati sono stati solo lì”
Cronaca
La denuncia

“Almeno 15 soldati malati sono stati solo lì”

di
Aria letale a Kabul: un altro allarme Nato due anni fa
Cronaca
In guerra

Aria letale a Kabul: un altro allarme Nato due anni fa

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×