Quando il tabulato non basta per difendere un giornalista

Il caso Montolli-Genchi. L’autore condannato per diffamazione: la parola di un ex generale smonta le risultanze telefoniche
Quando il tabulato non basta per difendere un giornalista

Itabulati sono agli atti del processo, ma i giudici credono alla versione del generale della Guardia di Finanza Mario Iannelli che parla di sole “tre telefonate’’ con l’industriale massone Giancarlo Elia Valori nel periodo “scottante” delle scalate Bnl e Antonveneta. Così il giornalista Edoardo Montolli, biografo dell’esperto informatico Gioacchino Genchi e l’editore Aliberti, ritenuti innocenti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.