Pusher e imam jihadista, reclutava ragazzi italiani

Passato criminale - Fermato a Milano il 29 agosto per spaccio Nadir Naffati è stato espulso perché ritenuto vicino all’Isis
Pusher e imam jihadista, reclutava ragazzi italiani

Il suo nome vero è Nadir Naffati e con questa identità è stato ufficialmente espulso dall’Italia perché ritenuto appartenente allo Stato islamico e perché tentava di reclutare ragazzi italiani. L’uomo, tunisino 44 anni, è stato arrestato il 29 agosto scorso a Milano in via Gola, zona vicino al Naviglio, storico suk condiviso da abusivi, antagonisti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.