» Politica
sabato 05/05/2018

Governo, Mattarella verso l’esecutivo elettorale. Le Camere sciolte a luglio

Stallo - Mattarella studia la sua unica via d’uscita: un esecutivo tecnico di tregua fino a dicembre, non sfiduciato, oppure un gabinetto balneare

Lo stallo è come un precipizio senza fine. Nel volgere di 24 ore l’esecutivo di tregua (e a tempo) si è già sdoppiato, in una principale e in una subordinata.

In questo senso, per metterla nel modo più lineare possibile senza eccedere coi politicismi. Lunedì prossimo il capo dello Stato farà il suo terzo giro di consultazioni, in un solo giorno, e certificherà l’indisponibilità dei partiti a formare un governo sostenuto da una maggioranza politica in Parlamento. A quel punto, sarà lo stesso Sergio Mattarella a prendere l’iniziativa e a offrire alle delegazioni il cosiddetto governo di tregua, o di transizione, destinato a coprire alcune scadenze importanti: il Consiglio europeo di fine giugno (28 e 29) e la manovra di dicembre per scongiurare anche l’aumento dell’Iva. Alla guida dell’esecutivo sarà chiamata una figura terza o tecnica cui il presidente della Repubblica conferirà l’incarico lunedì sera oppure martedì 8 maggio.

Qual è il profilo di questo premier incaricato? Per il Colle la soluzione numero uno è quella di “un giurista di fama, conosciuto in Europa e con competenze economiche”. Una figura che possa somigliare, inoltre, quanto più possibile a Mario Draghi, il numero uno della Bce. Per il momento i nomi che circolano non corrispondono del tutto a questo identikit. Questi: Sabino Cassese, giudice emerito della Consulta e già “voce” di Giorgio Napolitano sul Corriere della Sera; Giorgio Lattanzi, presidente della Corte costituzionale; Alessandro Pajno, presidente del Consiglio di Stato; Raffaele Cantone, magistrato a capo dell’Autorità per l’Anticorruzione; Paola Severino, ex Guardasigilli del governo Monti.

È una rosa in continua evoluzione, però. Ché alcuni di questi nomi finiti sulla scrivania di Mattarella hanno decisive controindicazioni. Pajno, per esempio, è un fraterno amico del capo dello Stato e il Colle per una questione di stile non lo incaricherà mai. Cantone, invece, è un ex pm e il Quirinale non vorrebbe passare dal giustizialismo politico a quello “tecnico”. Severino infine, nell’opinione pubblica, ricorderebbe troppo l’esperienza di Monti.

Fin qui il totonomi, in attesa di quello giusto con lo “sguardo” economico: ieri la Stampa ha rilanciato Guido Tabellini, ex rettore della Bocconi, e poi c’è sempre il citatissimo Carlo Cottarelli, l’uomo della spending review. In ogni caso, una volta ricevuto l’incarico, l’aspirante premier di tregua sonderà la disponibilità dei partiti, alla ricerca di una maggioranza che potrebbe sommare un sostegno esplicito di alcune forze e l’astensione di altre.

Qualora l’incarico non dovesse fallire, il governo nascerà con vari ministri tecnici d’area per rinforzare la disponibilità delle forze favorevoli. La “scadenza” sarebbe a fine anno ma al Colle sanno che, una volta avviati, i governi possono “autoalimentarsi” con nuovi arrivi e con il senso di conservazione dei parlamentari appena eletti.

Al contrario, se il premier incaricato tornasse da Mattarella senza nulla in mano – e questa è la subordinata che rischia di diventare principale – il capo dello Stato potrebbe comunque rinnovargli il mandato per un mero governo elettorale, formato da tecnici (stavolta non d’area), farlo sfiduciare in Parlamento e portare il Paese al voto nel mese di settembre.

In merito, c’è anche l’ipotesi estrema delle urne a luglio, l’8 o il 15, suggerita al capo dello Stato da chi vorrebbe evitare l’onta di un governo del presidente bocciato alle Camere. Mattarella però vuole evitare “drammatizzazioni” come quella di far votare gli italiani nel mese di luglio.

E poi c’è pur sempre il precedente del Fanfani sesto del 1987 che durò tre mesi nonostante la sfiducia, dal 18 aprile a fine luglio e che gestì le elezioni politiche di metà giugno di quell’anno. E anche stavolta un governo elettorale e sfiduciato durerebbe pochi mesi. Da metà maggio fino alla decade finale di settembre, con uno scioglimento previsto a luglio. È più che probabile, allora, che non sarà Gentiloni a traghettare il Paese alle elezioni, nonostante gli autorevoli “consigli reiterati” degli opinionisti Scalfari e Panebianco. L’attuale premier è infatti a capo di un esecutivo espressione della scorsa legislatura, con alcuni ministri-chiave, come Angelino Alfano agli Esteri, che non si sono nemmeno ricandidati alle elezioni del 4 marzo.

Alle otto di ieri sera, questo è lo stato dell’arte dei “ragionamenti” al Colle. E prima di lunedì ci sono altre 48 ore di riflessione, tra pessimismo e rassegnazione.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
istituto luce

Il Pd è vivo, evviva il Pd!

Fermi tutti: il Pd non è diviso. Ne dà l’annuncio il Tg1: è scoppiata la pace. Niente più renziani e antirenziani, il partito è solido e il reggente Martina è stato legittimato da un sincero voto unanime. È con lodevole entusiasmo che il notiziario della prima rete racconta l’ultima liturgia del Partito democratico, la Direzione di giovedì pomeriggio. Durante la quale – dopo tante minacce – non è successo assolutamente niente. I toni dei servizi però sono solenni: “Sancita la tregua”; “Plaude Gentiloni: ‘Più forza al Pd per affrontare i passaggi difficili delle prossime settimane’”; “Guerini soddisfatto: ‘Il Pd ha ritrovato unità’”. E in serata, nel Tg delle 20, arriva pure l’intervista al leader Martina. D’accordo, Renzi va in televisione a dettare la linea e smentisce regolarmente quella di Martina. Però c’è da festeggiare la ritrovata armonia del partito. “Quello della Direzione nazionale – esulta il reggente ai microfoni del servizio pubblico – è stato un momento molto importante per noi, una discussione utile. Ne usciamo sicuramente più forti, più uniti”. Pronti per salire al Colle: “Noi cercheremo di contribuire allo sforzo che il presidente della Repubblica sta facendo in questa particolare situazione. Lo abbiamo fatto dal primo minuto, dopo il 4 di marzo”. È Mattarella che non se n’è accorto.

Politica
E dice sì alla patrimoniale

Confalonieri: “Renzi può essere l’erede politico di Berlusconi”

È Renzi l’erede di Berlusconi? “Renzi ha 40 anni, Berlusconi ne ha 80. Potrebbe esserlo a meno che non ne esca un altro”. Così Fedele Confalieri, presidente di Mediaset, ha risposto ad Aldo Cazzullo in un incontro al Festival della Tv di Dogliani. “Certo l’Italia è un Paese dove uno prima piace e poi non piace più. Adesso Renzi è diventato un po’ il Berlusconi dell’altra parte. Io stimo Renzi, credo che sia uno capace.” “Salvini? Penso che non sia così male come certa stampa lo dipinge. Io un pochino leghista lo sono e poi ha preso il partito al 4% e lo ha portato al 18%. Qualche qualità ce l’ha e ha certamente la testa sulle spalle”. E poi sorprende la platea: “Ricordo quando in Confindustria De Benedetti parlava di patrimoniale e tutti a dargli addosso. Ma che male c’è se quelli come noi che hanno di più mettono qualcosa per ripianare il debito?”. Il presidente di Mediaset poi rivela che Silvio Berlusconi non ha alcuna intenzione di vendere il Biscione, quotato in Borsa e controllato dalla famiglia attraverso Fininvest con circa il 40 per cento.

La Cattiveria

La Cattiveria del 05/05/2018

Politica

Salvini licenzia Gentiloni e pure i candidati del Colle

“Benetton chi?”. Il gruppo sparisce da giornali e tv
Politica
Media e potere

“Benetton chi?”. Il gruppo sparisce da giornali e tv

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×