Pop Vicenza, l’ultima beffa e il lungo sonno della Vigilanza

I soci bocciano l’azione di responsabilità contro Zonin. Ma Banca d’Italia ha dormito per 15 anni
Pop Vicenza, l’ultima beffa e il lungo sonno della Vigilanza

Un disastro lungo 15 anni, con beffa finale. Ieri l’assemblea dei soci della Popolare di Vicenza ha bocciato la proposta di promuovere un’azione di responsabilità contro i vecchi amministratori: in sostanza gli uomini vicini alla ventennale disastrata gestione del padre-padrone Gianni Zonin, ora indagato per gravi reati finanziari. Nel frattempo una pioggia di buonuscite e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.