Piccoli furti al supermercato, emozioni tristi per illudersi di essere ancora vivi

Il graphic novel di Michael Cho sulla solitudine urbana
Piccoli furti al supermercato, emozioni tristi per illudersi di essere ancora vivi

Come regola generale, è meglio stare lontani dai libri o dai fumetti generazionali, quelli che vorrebbero raccogliere lo spirito del tempo toccando tutti gli argomenti che ne dovrebbero essere le traduzioni concrete: i social network, gli appuntamenti al buio presi online, il rinvio delle scelte di vita impegnative (figli, famiglia), la precarietà ecc. Nel tentativo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.