“Papà, vado a vivere da solo”: la palestra per il “dopo di noi”

Da 18 mesi 13 ragazzi con disabilità cognitiva vivono in un appartamento a Roma senza genitori. L’esperienza di autonomia abitativa è raccolta nel blog “Casetta 31”
“Papà, vado a vivere da solo”: la palestra per il “dopo di noi”

“Le regole ci stanno un po’ strette, ma spesso sono utili per decidere insieme cosa guardare in tv, oppure per partecipare alle discussioni con gli altri senza il cellulare a tavola”. È uno dei post del blog Casetta 31 in cui Luca, Federica e altri 13 giovani adulti con disabilità cognitiva raccontano, settimana dopo settimana, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.