Ostinato, mai banale, felice: è solo Fossati

Esce oggi il cofanetto “Contemporaneo”: “Mi piace il blues ma se l’avessi scritto chi l’avrebbe cantato? Ognuno deve fare i conti con il posto in cui è nato”
Ostinato, mai banale, felice: è solo Fossati

Quando ha suonato per l’ultima volta dal vivo, il 19 marzo 2012 al Piccolo Teatro di Milano, molti – quelli che non lo conoscono – hanno sperato che prima o poi ci ripensasse. Illusi. Tra i molti pregi che l’uomo (nonché l’artista) ha, c’è quello di mantenere quasi ostinatamente la parola data. Oltretutto, e questo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.