Odiare è lecito solo quando sei al potere

Che paura ci ha fatto la copertina dell’ultimo Sette! Un maramaldo dall’aria beffarda abbranca uno smartphone con le unghie a punta, segno lombrosiano peraltro tipico di etnie sgradite e “nemici del popolo” oggetto delle caricature propagandistiche dei totalitarismi del Novecento. Chiaramente sta insultando qualcuno su Facebook. Fermiamo il bruto digitale?, chiede l’inserto del Corriere, e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.