Nulla è più inquietante della routine nella periferia americana, tra motel e tv

Nick Drnaso intrappola il lettore nel vuoto di vite senza trama
Nulla è più inquietante della routine nella periferia americana, tra motel e tv

C’è una periferia americana – che poi è l’unica America fuori da poche grandi metropoli – capace di trovare un’aura quasi epica, o almeno tragica, in certi romanzi di William Faulkner o di Raymond Carver. Ma quella stessa periferia può anche diventare lo sfondo e il soggetto per racconti dell’orrore. Un orrore che si trasfigura […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.