» Politica
sabato 16/12/2017

Notizie su Consip agli 007. Gentiloni sapeva di “Ultimo”

L’inchiesta - Il maggiore Scafarto è indagato anche per aver passato atti ai Servizi segreti. I pm: “Erano per il colonnello Sergio De Caprio”
Notizie su Consip agli 007. Gentiloni sapeva di “Ultimo”

Dello scambio di informazioni tra alcuni dei carabinieri del Noe e agenti dell’Aise, i servizi segreti esteri, è stata data notizia anche al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. I pm capitolini che indagano su Consip – in base all’articolo 118 del codice di procedura penale che prevede la possibilità di informare il governo – hanno avvisato il premier “per le valutazioni di sua competenza” di quanto sarebbe accaduto nei servizi di sicurezza sui quali Gentiloni ha mantenuto la delega.

La vicenda emerge dalla richiesta di sospensione dal servizio inoltrata dai pm nei confronti del maggiore Gianpaolo Scafarto e del vicecomandante del Noe, Alessandro Sessa. Per entrambi l’interdittiva è stata emessa e poi revocata dal gip Gaspare Sturzo per una questione procedurale: dovevano essere interrogati prima. È stato quindi fissato un nuovo interrogatorio. Scrivono i pm nella richiesta: “A seguito del passaggio, nel marzo del 2016, dell’allora Vice Comandante del Cta (Comando Tutela Ambiente, ndr) colonnello Sergio De Caprio, all’Aise, è stato previsto e in parte attuato, (…) il passaggio all’Agenzia di altri 30 militari del Cta, fra cui alcuni impegnati nelle indagini” Consip. Sarebbero dovuti entrare nei servizi “Scafarto e il maresciallo Lombardi (estraneo all’indagine, ndr) che, come ha tenuto a sottolineare Sessa era uno dei pochissimi (quattro o cinque persone in tutto), a conoscenza dell’inizio dell’intercettazione telefonica nei confronti di Tiziano Renzi”, il padre dell’ex premier indagato per traffico di influenze.

Poi i pm scrivono: “Scafarto e Sessa non escludevano che i loro militari avessero potuto dare informazioni sulle indagini al Maggiore Rajola (non indagato, ndr), transitato all’Aise”. I pm aggiungono: “Si tratta di una situazione molto particolare di cui è stato informato il presidente del Consiglio per le valutazioni di sua competenza”.

Il punto centrale di questa storia è ancora Gianpaolo Scafarto, che oltre ai falsi contestati viene accusato anche di depistaggio (solo in questo caso con Sessa) e di rivelazione di segreto. Era già nota una mail del 14 settembre 2016 inviata da Scafarto a un maresciallo dell’Aise con il testo “sempre per il capo”. Si paventava la possibilità che si trattasse di Sergio De Caprio, alias Ultimo, per questo trasferito nella Forestale, ma adesso a fare il suo nome sono i pm. “Le comunicazioni – è scritto nella richiesta – sono trasmesse ai militari dell’Aise per l’ulteriore inoltro al ‘Capo’, da identificarsi, con ogni ragionevolezza, nel colonnello De Caprio”.

Tra le comunicazioni tra Scafarto e 007 agli atti, c’è la mail del 3 febbraio. Quel giorno, contestualmente al deposito in Procura, Scafarto invia un’informativa Consip al maresciallo Fabio Celestino (già in servizio al Cta, poi andato a ottobre 2016 nei servizi, estraneo alle indagini). Quando è stato sequestrato il cellulare a Scafarto sono stati anche estrapolati messaggi Whatsapp sempre con Celestino. I due si scrivono il 23 dicembre 2016. Il Fatto aveva appena rivelato l’iscrizione del comandante generale Tullio del Sette e del ministro Luca Lotti per la fuga di notizie in favore dei vertici Consip.

Scafarto: Ride bene chi ride Ultimo

Celestino: Ahahah

Il primo marzo 2017 i due si risentono. È il giorno in cui la Procura di Roma arresta l’imprenditore Alfredo Romeo, scarcerato dopo 168 giorni tra carceri e domiciliari (è ora a giudizio per corruzione).

Celestino: Novità sui tempi…?

Scafarto: Macché. Scusami tu. E lui

C: Chiede sempre di te… Mi chiede che succede…? E a che ora arrivi

S: Digli che sono in Procura con Woodcock, Ielo e Palazzi.

I due continuano a scriversi per organizzare l’incontro.

S: Ho bisogno di 5 minuti. È nell’interesse di tutti

C: Ah mica lo vogliono fottere…?

S: Noooo

C: Ahahah grazie. Spero che siano belle notizie almeno. Venerdì per lui è impossibile… ha detto che aspetta però faccia il prima che può.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Dorgali (Nuoro)

Sindaca 5stelle rivela: “Sono indagata per turbativa d’asta”

Quando ha scoperto di essere indagata per turbativa d’asta dalla Procura di Nuoro, Maria Itria Fancello (in foto), sindaca di Dorgali (Nuoro) del Movimento 5 Stelle, ha voluto subito informare i cittadini dal suo profilo Facebook, in nome di “quella trasparenza che contraddistingue il Movimento 5 Stelle”, ha sostenuto: “Mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della Procura di Nuoro. A quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all’assessore Fabrizio Corrias – scrive la sindaca pentastellata sul social network – sono indagata per turbativa d’asta. Per quanto sono riuscita a ricostruire, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici, ma non ho ricevuto avvisi di garanzia, né ero a conoscenza dell’attività”. Oltre alla sindaca, il reato di turbativa d’asta viene contestato a vario titolo al marito Alberto Nani e all’assessore all’Ambiente e Protezione civile. I due amministratori, secondo l’accusa, avrebbero favorito nella gara d’appalto per la gestione dei siti archeologici comunali, la Cooperativa Chivine dove lavorava come guida ambientale proprio Alberto Nani.

Politica

Una raffica di domande a Vegas dal commissario che viene dal credito

Politica

Mastella assolto, ma “la lottizzazione degli incarichi è illecita”

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×