» Cultura
martedì 05/07/2016

“Non faccio film per un club di amici, ora scrivo una follia”

Il regista di “Jeeg Robot”: “Ho fuso molti elementi, all’estero non capiscono cosa sia”
“Non faccio film per un club di amici, ora scrivo una follia”

È incetta di premi: dopo ben sette statuette – e sedici nomination – ai David di Donatello, Gabriele Mainetti si è portato a casa i Nastri d’argento 2016 come miglior film d’esordio. Lo chiamavano Jeeg Robot è uno dei grandi successi della stagione cinematografica ed è senza dubbio innovativo, capace di conquistare il cuore degli spettatori. […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

Giulietta era minorenne ma non ditelo a papà

Cultura

L’Irpinia: mix di Svizzera e Alto Adige, senza vette alte ma con l’ulivo nostrano

Fresu e Devil Quartet colgono l’Italian style
Cultura
Carpe diem

Fresu e Devil Quartet colgono l’Italian style

di
“Sono stanca del killer che tortura e abusa sempre delle solite donne”
Cultura
L’intervista - C. J. Tudor

“Sono stanca del killer che tortura e abusa sempre delle solite donne”

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×