“Non faccio film per un club di amici, ora scrivo una follia”

Il regista di “Jeeg Robot”: “Ho fuso molti elementi, all’estero non capiscono cosa sia”
“Non faccio film per un club di amici, ora scrivo una follia”

È incetta di premi: dopo ben sette statuette – e sedici nomination – ai David di Donatello, Gabriele Mainetti si è portato a casa i Nastri d’argento 2016 come miglior film d’esordio. Lo chiamavano Jeeg Robot è uno dei grandi successi della stagione cinematografica ed è senza dubbio innovativo, capace di conquistare il cuore degli spettatori. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.