Non c’è lieto fine che consoli il dolore di Florì perduta

Non c’è lieto fine che consoli il dolore di Florì perduta

Florì è già perduta a prescindere da sua madre. A prescindere dal lettore che continua a cercare il lieto fine nel suo romanzo. Fino all’amore del re Cirillo e per il re Cirillo. L’inedito di Anna Maria Ortese, Mistero doloroso è preparatorio eppure così indipendente rispetto a quel Cardillo che consacra la scrittrice alla città […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.