Noi scrittrici? Sì, di romanzi d’amore (al massimo)

Noi scrittrici? Sì, di romanzi d’amore (al massimo)

Premetto che faccio un mestiere che, quando menzionato, sortisce molteplici interrogativi e pretende un sacco di spiegazioni. Se lavori in banca, o in un negozio, o in una scuola la cosa finisce lì, se invece di mestiere fai “lo scrittore”, ecco che scateni immediatamente nel tuo interlocutore una curiosità morbosa che genera una raffica di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.