Nel nome di Vittorio

Nel nome di Vittorio

Da Vittorio si respira un’energia distesa. La maestria non sfocia mai nell’ostentazione e l’eleganza, pur assoluta, è sempre sussurrata: ogni dettaglio mira all’eccellenza anziché allo stupore, come se focalizzarsi su altro dal piacere fosse proibito. Dal 1966, quando Vittorio Cerea e la moglie Bruna lanciarono la sfida di cucinare il pesce nel cuore di Bergamo, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.