Nel 1993 l’Italia segue il tempo del “Battito animale”

Nel 1993 l’Italia segue il tempo   del “Battito animale”

Ha sempre avuto l’aria di uno felice di vivere il proprio tempo, Raf. Divo negli Ottanta e Novanta, però mai esagerato. Un Biagio Antonacci con meno ego e ancor meno piacioneria. Spesso esistenzialista e quasi mai politico, capace però – addirittura a Sanremo – di radiografare quel gran marasma che furono gli Ottanta. Cosa resterà […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.