Nel 1990 c’è da sudare sotto il sole di Belli e Baccini

Nel 1990 c’è da sudare sotto il sole di Belli  e Baccini

Ogni tanto i tormentoni estivi non sono brutti da far male, ma riescono a essere quel che dovrebbero essere: piacevoli. Accade nel 1990, quando l’Italia impazzisce per un Mondiale di calcio che avremmo vinto con merito, se solo Zenga fosse stato d’accordo. In quella estate si ascoltano due brani italiani, figli entrambi di connubi insoliti: […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.