“Négher” stupratori, italiani brava gente

Lo stupro di Rimini, con l’arresto di due marocchini, un nigeriano e un congolese. Poi la bimba morta di malaria in un ospedale in cui erano ricoverati due bambini del Burkina Faso. Era la tempesta perfetta per far scattare il “dàgli al negro” (o al négher): sono loro, i “migranti” – come hanno titolato quotidiani […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.