Montale sapeva bene cosa non diventare

Montale sapeva bene cosa non diventare

Tre lettere inedite di Eugenio Montale all’amico e grande latinista Manara Valgimigli, datate tra il 1946 e il 1954. Esordisce così De Piante, che si candida a diventare uno degli editori più raffinati d’Italia; un dichiarato ritorno alla plaquette con piccoli ma illustri inediti postumi, faville del maglio, tiratura limitata, sovraccoperte di artista. La plaquette […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.