Mirbeau, diritti e avanguardie secondo “il capo dei giusti”

Cento anni fa moriva lo scrittore francese ancora poco tradotto in Italia. Realista e anticipatore del surrealismo, fu a fianco di Emilè Zola durante l’affaire Dreyfuss
Mirbeau, diritti e avanguardie secondo “il capo dei giusti”

Ricordare, nel centenario della morte, la figura di Octave Mirbeau (1848-1917) è tanto appassionante quanto doveroso soprattutto in Italia, dove questo scrittore, giornalista, drammaturgo e critico tra i più prolifici nonché “inclassificabili” della sua epoca è ancora poco conosciuto e tradotto. Con il suo genio e la sua modernità Mirbeau incarna a pieno titolo lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.