Ricordare, nel centenario della morte, la figura di Octave Mirbeau (1848-1917) è tanto appassionante quanto doveroso soprattutto in Italia, dove questo scrittore, giornalista, drammaturgo e critico tra i più prolifici nonché “inclassificabili” della sua epoca è ancora poco conosciuto e tradotto. Con il suo genio e la sua modernità Mirbeau incarna a pieno titolo lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Se non vai non vendi: chiamatelo Effetto Fazio

prev
Articolo Successivo

“A Natale arrivava sempre un cesto anonimo: era di un ministro Dc”

next