Ma quali antagonisti, Matteo è sempre in tv

Ma quali antagonisti, Matteo è sempre in tv

Ci schieriamo senza se e senza ma in difesa di Matteo Salvini, il cui libro è stato violentemente brutalizzato dagli antagonisti in una Feltrinelli di Bologna. Quando uno come Salvini, nella totale clandestinità cui è costretto, riesce a scrivere e pubblicare un libro – seppur con l’aiuto di due giornalisti – va difeso. Chi sfida […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.