L’ultima arte eversiva, nata per morire all’aperto

L’ultima arte eversiva, nata per morire all’aperto

Street Art, sottotitolo: come la fai, la sbagli. Per alcuni nomi di quello che spesso viene definito un movimento, i galleristi sono peggio dei poliziotti che ti beccano in flagrante; per altri, la strada è la gavetta prima della galleria. Per molti la street art sulle pareti del proprio quartiere è un patrimonio da conservare, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.