L’orrore non si può esibire, solo raccontare La nostra cultura vale più delle foto feroci

Inutile diffondere, si rischia la morbosità
L’orrore non si può esibire, solo raccontare La nostra cultura vale più delle foto feroci

L’orrore esiste: fa parte della natura, anche della natura umana. Ma l’uomo, da sempre, la natura l’addomestica, e ne fa coltura e cultura, dal curare l’orto al creare arte e letteratura, al confezionare giornali ché – come diceva Carmelo Bene – “la stampa informa i fatti, non sui fatti”. Nella “messa in forma” dei fatti, il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.