L’Onu e la bugia da Nobel: “Rohingya, è pulizia etnica”

Senza appello - Le Nazioni Unite contro Aung San Suu Kyi che ha minimizzato le stragi della minoranza musulmana
L’Onu e la bugia da Nobel: “Rohingya, è pulizia etnica”

La denuncia arriva da una delle più alte cariche delle Nazioni Unite, e non potrebbe essere più pesante: il trattamento riservato ai Rohingya da parte del governo del Myanmar è “un esempio di pulizia etnica”. Così ha tuonato da Ginevra l’Alto Commissario Onu per i Diritti umani, il giordano Zeid bin Ra’ad Al Hussein. La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.