Lo zampino dello zar Putin per tenere in sella Erdogan

La notizia dell’intervento russo per salvare il Sultano rimbalza dall’Iran e non viene smentita dalle “democrature” di Mosca e di Ankara
Lo zampino dello zar Putin per tenere in sella Erdogan

Se sia stato il presidente russo Putin ad avvisare il ritrovato amico Erdogan del golpe in atto, non è certo. Anche se la notizia arriva dall’Iran, paese alleato di Putin sul fronte siriano, e quindi fonte in questo frangente, discretamente attendibile. Ma i giochi e i doppi giochi in Medio Oriente sono routine e la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.