Lo Stato parallelo fa paura anche ai giornalisti

Redazioni in trincea. Uniche voci fuori dal coro, gli ex redattori di Zaman: “Era già tutto organizzato”
Lo Stato parallelo fa paura anche ai giornalisti

In giro per Istanbul si vede poca polizia, in molte parti della città quasi non ci sono più agenti. Perfino in piazza Taksim e Istiklal Caddesi, nei momenti di calma, quando non ci sono celebrazioni o manifestazioni in favore di Erdogan (e in questi giorni capita spesso), ci sono ben pochi poliziotti. Ma basta avvicinarsi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.