L’imprudenza grave di Cesare: rinunciò alla scorta

Idi di marzo del 44 a.C. Nonostante il clima attorno a lui si facesse sempre più rovente, Cesare da qualche tempo aveva scelto di andare in giro per Roma senza alcuna protezione, aveva infatti già congedato la sua scorta ispanica. Ma la sua imprudenza si rivelò ancor più grave quella mattina del 15 marzo, la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.