“L’era di Stampubblica è quella dei giornali che non contano più”

Giulio Anselmi - “Il segnale della concentrazione tra testate non può che essere letto come la prova di un declino progressivo”
“L’era di Stampubblica è quella dei giornali che non contano più”

“Per sopravvivere bisogna concentrarsi” è il nuovo slogan dell’editoria. Dove per “concentrarsi” non s’intende affatto mettere attenzione al prodotto, alla qualità dell’informazione, ma unire le forze. Le famose risorse, le concessionarie di pubblicità, gli uffici del personale. E forse anche le linee editoriali e le notizie. Sul tema Giulio Anselmi, oggi presidente dell’Ansa, ci risponde […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.