» Politica
venerdì 11/05/2018

L’Eni assume l’indagata. Descalzi: “Non lo sapevo”

Ingaggiata Paduano, presunta complice di Casula sulle tangenti in Congo
L’Eni assume l’indagata. Descalzi: “Non lo sapevo”

La tragedia dell’Eni – travolta da tre scandali di corruzione internazionale (in Algeria, Nigeria e Congo) e dall’inchiesta milanese sul “presunto depistaggio”, che vede indagato per associazione a delinquere l’ex capo del servizio legale Massimo Mantovani – ha assunto nell’assemblea degli azionisti di ieri toni e ritmi surreali degni di una commedia di Mel Brooks. L’assetto attuale del vertice aziendale vede l’amministratore delegato Claudio Descalzi rinviato a giudizio per corruzione internazionale per le tangenti in Nigeria (cosiddetto caso Opl 245) insieme al suo braccio destro Roberto Casula e al predecessore Paolo Scaroni. Il capo del cosiddetto Upstream (l’estrazione di petrolio) Antonio Vella è in attesa di sentenza nel processo per le tangenti in Algeria, dove l’accusa ha chiesto per lui 5 anni e 4 mesi di carcere. Di Mantovani si è detto.

L’indagata assunta – Incalzati dalle domande dell’associazione Re:Common, i vertici del colosso petrolifero hanno rivelato che Maria Paduano, indagata per le tangenti in Congo come presunta complice di Roberto Casula, braccio destro di Descalzi, è stata assunta dall’Eni nello scorso settembre. Infatti la perquisizione ordinata dalla procura di Milano è stata fatta un mese fa nel suo ufficio dentro lo storico palazzone dell’Eni all’Eur di Roma.

Paduano era esponente della Wnr, la “società di comodo” che secondo gli inquirenti sarebbe stata il veicolo per retrocedere a Casula parte delle tangenti pagate in Congo. Il decreto di perquisizione fa anche riferimento ad accertati rapporti diretti tra Paduano e Casula. Nel giugno 2017, tre mesi prima dell’assunzione all’Eni, Casula ha comprato una casa a Roma in seguito a un contratto preliminare firmato dalla donna. Casula, dopo la perquisizione di aprile si è messo in aspettativa, ha detto la presidente Emma Marcegaglia, per evitare “ogni possibile problema che possa derivare alla società dall’indagine a suo carico”. Una delicatezza mancata a tutti gli altri indagati e imputati e allo stesso Casula dopo il rinvio a giudizio per la Nigeria, il che fa sospettare che la decisione del manager sardo sia stata sollecitata. Forse da Descalzi, che da imputato continua a dirigere l’azienda per 4 milioni all’anno di stipendio.

Infatti, secondo l’Eni, Descalzi non sapeva niente della singolare assunzione, cosa che fa sospettare che l’ad imputato non abbia un pieno controllo . È vero che solo sei mesi dopo si è saputo che la Paduano era indagata, ma si ammette che “al momento dell’assunzione non si aveva conoscenza di attività pregresse della dottoressa nella società Wnr”. Paduano, fa sapere l’Eni, è stata assunta con una una procedura competitiva “nella struttura competente in materia di sostenibilità”, ma non si sa chi l’abbia selezionata perché “non c’è un unico decisore nel processo di assunzione delle risorse da mercato”. In ogni caso la presidente Emma Marcegaglia, che ha confermato “la massima fiducia nella correttezza dell’operato della società, di Descalzi e dei suoi manager”, ha rassicurato gli azionisti notificando che l’Eni ha ottenuto la certificazione Iso 37001 per le procedure anticorruzione.

La presunta bugia – All’assemblea dell’anno scorso Re:Common aveva chiesto se ci fossero rapporti d’affari in Congo con la Petro Services. società coinvolta nell’affare congolese e con la curiosa caratteristica di condividere in Congo la casella postale con la società Elengui Ltd della moglie di Descalzi Marie Madeleine, imprenditrice congolese. Marcegaglia rispose: “Non esistono in Congo, a oggi, legami contrattuali con le società Osm e Petro Services”.

Ieri Giulia Franchi di Re:Common l’ha accusata di aver mentito, notando che Il Fatto aveva riferito nell’edizione di mercoledì che Petro Services aveva lavorato per Eni in Congo per cinque anni emettendo fatture totali per 105 milioni. La replica di Marcegaglia è stata degna di Pirandello: “L’anno scorso ho detto che non avevamo rapporti con Petro Services, ma ho specificato: a oggi. Infatti le ultime fatture le avevamo pagate a febbraio 2017. Poi dovevo dire anche che con quella società avevamo avuto rapporti in passato, ma nella fretta non l’ho letta e non è stata verbalizzata”. Con un anno di ritardo comunque l’Eni conferma che Il Fatto ha scritto la verità: 105 milioni di lavori.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Lo sberleffo

Premiati l’imputato e il suo avvocato

L’ad dell’Eni Claudio Descalzi, imputato nel processo per corruzione internazionale per le presunte tangenti pagate in Nigeria, ha dato ieri una lezione di senso delle istituzioni. Ha risposto frettolosamente agli azionisti che lo avevano bombardato di domande e poi, anche per sottrarsi alle domande dei giornalisti sugli scandali giudiziari che stanno affossando l’Eni, ha tagliato corto: “Scusate, ma ho un incontro istituzionale e devo proprio scappare”. L’incontro istituzionale – che ha avuto la priorità sul rendere conto ad azionisti e giornalisti della conduzione della principale società pubblica italiana – era la consegna del premio Guido Carli nella Sala della Regina di Montecitorio. L’istituzione da riverire era il presidente della giuria Gianni Letta che ha fatto gli onori di casa. Tra i premiati un altro imputato eccellente, Alessandro Profumo per Mps (ma oggi guida Finmeccanica) e benemeriti dell’Italia che produce quali John Elkann, Massimo Giletti e Maria De Filippi. Ma il particolare più significativo è che con Descalzi è stata premiato il suo avvocato, l’ex ministro della Giustizia Paola Severino. Così a Montecitorio, ospiti del presidente Roberto Fico, si celebra la presunzione d’innocenza: premio solenne all’imputato e al suo avvocato. Roba da far passare la voglia di lavorare ai magistrati. Magari è fatto apposta.

Politica

“Il Pd doveva evitare la saldatura 5 Stelle-destra”

Politica

Ilva, fumata nera. Palla al nuovo governo

Le bizzarre lezioni sulla difesa del Parlamento
Politica
L’intervento

Le bizzarre lezioni sulla difesa del Parlamento

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×