Le postille al dolore di Gadda sull’orribile e tragica vita

Il capolavoro dell’autore nei panni di Gonzalo, scritto dopo la scomparsa della madre, viene ripubblicato da Adelphi con appendici preziose
Le postille al dolore di Gadda sull’orribile e tragica vita

La sera dell’11 maggio 1963 il volto dell’ingegnere Carlo Emilio Gadda appare – appesantito, solenne nella reticenza – sugli schermi della Rai Tv: “Il titolo La cognizione del dolore”, recita come leggendo da un appunto, “è da interpretarsi alla lettera”. Un mese prima è uscito per Einaudi, a cura di Giancarlo Roscioni, il romanzo furioso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.