Le indagini nella culla dei No Triv

I comitati: “La ministra dice no al referendum. Ma ha interessi in gioco”
Le indagini nella culla dei No Triv

Non è un caso se il coordinamento No Triv, promotore del referendum sulle trivelle del 17 aprile, è nato proprio a Pisticci, in Basilicata, nel 2012. In questa zona industriale in provincia di Matera, dove ieri c’è stato il sequestro del Tecnoparco Valbasento Spa, impianto di smaltimento di rifiuti petroliferi (tra i soci sia la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.