» Cronaca
giovedì 20/09/2018

Ponte Morandi, le critiche di Autostrade a Spea: “Problemi nei controlli”. In un video le oscillazioni del viadotto

Nella carte dei pm le critiche di Aspi ai vertici di Spea sui metodi di vigilanza. Uno studio consegna ai pm i risultati di rilevazioni effettuate a giugno: "Con 3 camion sul ponte fino a 11,3 centimetri di oscillazione"

Email dei dirigenti di Autostrade che, parlando con i vertici di Spea, criticano aspramente i controlli sulle strutture autostradali. Mentre i pm e la Guardia di Finanza stanno studiando un video, realizzato da uno studio di ingegneria, che parla di oscillazioni di undici centimetri rilevate a giugno quando un camion saliva sul Morandi.

L’inchiesta di Genova sul crollo del Morandi compie ulteriori passi avanti. Gli inquirenti, tra le migliaia di mail interne sequestrate, si sono soffermati su diversi messaggi, alcuni del direttore delle Operazioni Centrali di Autostrade Paolo Berti (indagato). Sono messaggi che non si riferiscono direttamente al ponte Morandi, ma che sono stati giudicati molto interessanti. Si tratta di una corrispondenza piuttosto accesa con i vertici di Spea (la società controllata che si occupava del monitoraggio delle strutture) in cui venivano criticati i loro metodi di lavoro e di vigilanza.

I magistrati ne hanno chiesto ragione tra gli altri anche ad Antonino Galatà, amministratore delegato di Spea, sentito nei giorni scorsi come testimone (quindi non indagato) nell’ambito dell’inchiesta. I vertici di Spea hanno ribattuto di aver sempre realizzato i propri controlli con la massima cura. Non solo: le critiche, sarebbe la loro versione, rientravano in uno scontro interno tra i piani alti di Autostrade e quelli di Spea.

Per i pm e le Fiamme Gialle, anche se i messaggi non rivelano comportamenti illeciti, è un elemento importante di lavoro perché rivela preoccupazioni sui controlli. Ma c’è un nuovo studio finito in mano agli inquirenti per un gioco del destino.

È il 30 giugno scorso, come ha raccontato Rainews, quando Daniele Gullà si trova vicino al ponte per caso. “Ero andato a Genova per vendere a un cliente uno dei nostri strumenti”, racconta Gullà. Aggiunge: “Si tratta di un misuratore che consente, in base a misurazioni ottiche, di rilevare anche a grandi distanze le oscillazioni millimetriche degli oggetti”. Una tecnologia all’avanguardia – sviluppata in collaborazione con l’Università Mit di Boston – che si basa su una telecamera e l’analisi dei pixel delle immagini. Gullà punta allora il suo strumento chiamato ‘Mira’ sul ponte Morandi ancora in piedi. E i risultati sono sorprendenti: gli aghi degli strumenti sembrano impazziti e schizzano verso l’alto. Vengono rilevate oscillazioni fino a 11,3 centimetri quando sul viadotto passano contemporaneamente diversi camion, come accadeva spesso visto che sul Morandi transitavano in media quasi 70mila vetture al giorno con punte di 100mila. Passa un mese e mezzo e il Morandi crolla.

Gullà allora ricorda quelle misurazioni. Ne parla con l’ingegnere Silvia Bonetti e insieme preparano uno studio da consegnare ai pm genovesi. “La fluttuazione, ben visibile in alcuni frame dopo il passaggio del camion, ci ha consentito di osservare e di stimare un movimento impulsivo della struttura, in occasione del transito di tre camion, 2 in direzione est e uno in direzione ovest”, è scritto nello studio.

Non solo: quando passa il terzo camion, racconta lo studio di Gullà e Bonetti, si osserva uno scostamento verticale (azzurro) di 1.200 pixel. In concomitanza del passaggio di un solo camion, si ha uno scostamento verticale (rosso) di circa 500 pixel. A conti fatti, con un singolo camion si ha una oscillazione di 4,7 cm. In occasione del passaggio simultaneo dei tre camion, si ha una oscillazione (teorica, ipotizzando un comportamento perfettamente lineare) pari a 11,3 centimetri”.

Così lo studio di Gullà e Bonetti viene consegnato ai periti della Procura insieme con il filmato che documenta il passaggio dei camion e le oscillazioni.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
L’associazione dei gestori

Assaeroporti, l’assemblea conferma Palenzona

Fabrizio Palenzona è stato riconfermato alla presidenza di Assaeroporti, l’associazione che rappresenta i gestori degli scali aerei. L’assemblea di Assaeroporti che si è tenuta ieri ha nominato anche Fulvio Cavalleri vicepresidente vicario, Emilio Bellingardi, direttore generale Sacbo (aeroporto di Milano Bergamo), Ugo De Carolis, amministratore delegato Adr (aeroporti di Roma Fiumicino e Ciampino), Monica Scarpa, ad del Gruppo Save (Polo Aeroportuale del Nord Est: Venezia, Treviso, Verona, Brescia). Palenzona, che è anche presidente dell’associazione delle autostrade (Aiscat), qualche mese fa si vantava durante un convegno dell’Enac: “Ci siamo inventati una legge – ha scandito – un piccolo emendamento che consentisse i contratti in deroga”. La norma a cui si riferiva è quella che ha permesso all’aeroporto di Fiumicino, gestito dai Benetton, di diventare una macchina da soldi. A Roma, difatti, i passeggeri pagano circa il doppio rispetto agli altri scali italiani (sui 30 euro a biglietto in media). Una tariffa alta che doveva servire per coprire le spese di allargamento dello scalo romano. Ampliamento che non c’è mai stato.

Economia

Mazzetta algerina, Scaroni assolto: “Non sapeva”

Cronaca

Depistaggio su via D’Amelio, primo atto per i “suggeritori” di Scarantino

La grande rissa tra avvocati per lo spot sul web
Cronaca
La storia

La grande rissa tra avvocati per lo spot sul web

di
“Dell’Utri e il boss in via Veneto? C’è un riscontro della Dia”
Cronaca
Padrini Fondatori

“Dell’Utri e il boss in via Veneto? C’è un riscontro della Dia”

di
Messina Denaro mi disse: “Graviano incontra Silvio”
Cronaca
Il verbale

Messina Denaro mi disse: “Graviano incontra Silvio”

di
Ha insultato la comunità Lgbt. Condannata la dottoressa antigay
Cronaca
Torino - Per la De Mari multa da 1.500 euro

Ha insultato la comunità Lgbt. Condannata la dottoressa antigay

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×