Un nuovo processo, tre poliziotti sotto accusa e un grande mistero irrisolto. Quel che resta del depistaggio di via D’Amelio, che l’ex procuratore di Caltanissetta Sergio Lari definì “il più clamoroso della storia giudiziaria italiana”, sono le bugie di Scarantino, indotto a mentire da tre uomini in divisa, Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ponte Morandi, le critiche di Autostrade a Spea: “Problemi nei controlli”. In un video le oscillazioni del viadotto

prev
Articolo Successivo

Banca Carige, oggi il cda. “Fiorani boys” in agguato

next