L’Austria sorpassa a destra i leghisti: chiuse 7 moschee

Il premier Kurz: “Ci sono infiltrazioni dell’Islam radicale”. La protesta di Ankara che finanzia molti imam dei templi musulmani nel Paese
L’Austria sorpassa a destra i leghisti: chiuse 7 moschee

Sulla porta della moschea un foglietto la scritta “Camii Kapalidir”, che significa “chiuso”. Il governo di Sebastian Kurz ha disposto la chiusura di 7 templi islamici dell’associazione turca Atib. Con due obiettivi: contrastare il radicalismo in Austria e punire il mancato rispetto della legge sull’Islam, che bandisce, fra l’altro, i finanziamenti dall’estero. Terreno fertile per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.