Sulla porta della moschea un foglietto la scritta “Camii Kapalidir”, che significa “chiuso”. Il governo di Sebastian Kurz ha disposto la chiusura di 7 templi islamici dell’associazione turca Atib. Con due obiettivi: contrastare il radicalismo in Austria e punire il mancato rispetto della legge sull’Islam, che bandisce, fra l’altro, i finanziamenti dall’estero. Terreno fertile per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Clandestini”, una voce umana nel nostro buio

prev
Articolo Successivo

Tra Turchia e Grecia riscoppia il ping-pong sugli immigrati

next