Lara: “Zivago, la ‘condanna’ per me e Pasternak”

Lara: “Zivago, la ‘condanna’ per me e Pasternak”

La dacia, la casa di Peredelkino, è chiusa. Diventerà un museo; la sorella che vive in Inghilterra, manderà i mobili e gli oggetti che furono i suoi, e che lo ricordano. Boris Leonidovic Pasternak amava lo studio al primo piano, lo chiamava “la nave”. Dalle finestre si vedono la dolce collina, gli alberi, i campi, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.