La “vendetta” del cinema spagnolo: il thriller lo sanno girare meglio

Prima attore e poi regista, l’esordiente Raúl Arévalo firma una pellicola pluripremiata ai Goya
La “vendetta” del cinema spagnolo: il thriller lo sanno girare meglio

Il genere? Gli spagnoli lo fanno meglio, soprattutto quando è thriller. Tre anni fa, La isla mínima di Alberto Rodríguez ha tradotto la suspense in j’accuse sociopolitico, puntando il dito contro il passato (presente) franchista: una specie di True Detective alle foci del Guadalquivir, senza vezzi estetici, ma con appigli etici. Nel 2015 Desconocido – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.