La Shoah, l’orrore e la colpa di non averlo vissuto

La Shoah, l’orrore e la colpa di non averlo vissuto

Dai solipsismi intrinsechi di una corsa a piedi a una storia di ampio respiro su un tema delicato come la Shoah. Una lettura troppo riduttiva del percorso compiuto da Massimiliano Boni. Sta di fatto che Il museo delle penultime cose convince per la profondità e al tempo stesso l’immediatezza con cui tratta un tema molto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.