Memoria - Storie di chi è nato dopo

La Shoah, l’orrore e la colpa di non averlo vissuto

Di Andrea Di Gennaro
19 Aprile 2017

Dai solipsismi intrinsechi di una corsa a piedi a una storia di ampio respiro su un tema delicato come la Shoah. Una lettura troppo riduttiva del percorso compiuto da Massimiliano Boni. Sta di fatto che Il museo delle penultime cose convince per la profondità e al tempo stesso l’immediatezza con cui tratta un tema molto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui