La pista del Terrore e la strategia “zarista” tra paura e rabbia

Il regime pronto a sfruttare l’effetto mortale: nascondere le proteste dell’opposizione puntando su un nemico comune
La pista del Terrore e la strategia “zarista” tra paura e rabbia

Le bombe di Pietroburgo subito attribuite al terrorismo di matrice islamica – ossia caucasica, secondo l’equazione di ogni regime russo, ma in particolare di quello putiniano – hanno improvvisamente precipitato il Paese in un clima di paura, e di collera. La paura è l’anticamera delle svolte autoritarie, anzi, ne è il codice primario. La collera, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.