La gens dalemiana con Renzi. Nessuno scrive più al Líder M.

Uno dopo l’altro, il generale Massimo ha perso tutti i suoi amici più cari, oggi schieratissimi con il premier e con il Sì referendario. Una parabola triste ma non finale: da Velardi, Latorre e Rondolino alla Finocchiaro e Violante, per finire a Cuperlo, Orfini e Romano. Andata e ritorno dal mito del blairismo
La gens dalemiana con Renzi. Nessuno scrive più al Líder M.

Se in politica il carisma si misura dalla carica di amore e odio che un leader suscita, allora Massimo D’Alema è stato uno dei due leader carismatici della Seconda Repubblica. L’altro, ovviamente, è Silvio Berlusconi. L’educazione dalemiana al potere ha conquistato fior di cervelli oggi schierati col cinico renzismo, ovvero con il peggiore nemico del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.