La fulminea ascesa della squadra del Sultano e la doppia sconfitta di sport e democrazia

In tre anni il club del regime è diventato una potenza nazionale
La fulminea ascesa della squadra del Sultano e la doppia sconfitta di sport e democrazia

C’è una squadra che da sola incarna il rapporto tra calcio e potere in Turchia. Si chiama Basaksehir. In Italia è conosciuta perché è da lì che viene Cengiz Under, il ventenne mancino acquistato la scorsa estate dalla Roma. I turchi invece la conoscono per un altro motivo: è la squadra del Sultano, il presidente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.