La coscienza di Gabriella e la memoria culturale ritrovata

Muddichedda muddichedda(mollichina dopo mollichina), Gabriella Lucia Grasso, cantautrice catanese cresciuta tra le note di un brano di Edith Piaf, di un pezzo jazz o di una musica lirica, ha trovato la propria strada, “con calma, senza fretta, perché la musica è così che va vissuta”. Con una voce che sembra fatta apposta per narrare storie […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.