La campagna siciliana di Beppe: comizi pensando alle Regionali

A Trapani (non parla di mafia) e a Palermo
La campagna siciliana di Beppe: comizi pensando alle Regionali

Li definisce “vecchia politica” e non cita neanche i cognomi di Antonio D’Alì e Mimmo Fazio, i due candidati trapanesi azzoppati dai giudici, e come bersaglio sceglie tiepidamente la regione: “Se il governo regionale sparisce, non accade nulla”. Poi glissa le domande su Riina (“avrei qualcosa di dire, ma non qui”) e fa autocritica: “Anche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.