La legge elettoraleall’esame dell’aula di Montecitorio prevede che i seggi vengano ripartiti tra le liste in modo proporzionale in rapporto ai voti raccolti. Chi non supererà il 5% dei voti resterà fuori dalla ripartizione e quanto raccolto tra i partiti minori verrà suddiviso tra le liste che hanno superato la soglia. A beneficiare maggiormente della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La campagna siciliana di Beppe: comizi pensando alle Regionali

prev
Articolo Successivo

Il difetto dei collegi che può imporre lo stop del Quirinale

next