“La camorra al Cardarelli usava dipendenti di Romeo”

Secondo la Squadra Mobile di Napoli erano coinvolti per mediare le estorsioni sugli appalti ospedalieri per il clan Cimmino. È l’indagine che poi arrivò alla Consip
“La camorra al Cardarelli  usava dipendenti di Romeo”

La camorra al Cardarelli di Napoli, l’ospedale più grande del Sud, avrebbe agito attraverso dipendenti della Romeo Gestioni che mediarono estorsioni a una ditta appaltatrice dell’azienda ospedaliera in nome e per conto del clan Cimmino del Vomero. C’è questo e altro in un’informativa della Squadra Mobile firmata dal dirigente Luigi Rinella, 27 pagine di atti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.