La camorra al Cardarelli di Napoli, l’ospedale più grande del Sud, avrebbe agito attraverso dipendenti della Romeo Gestioni che mediarono estorsioni a una ditta appaltatrice dell’azienda ospedaliera in nome e per conto del clan Cimmino del Vomero. C’è questo e altro in un’informativa della Squadra Mobile firmata dal dirigente Luigi Rinella, 27 pagine di atti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’errore più grave di Di Maio: aver dato fiducia a Renzi

prev
Articolo Successivo

Diritti televisivi, dalla Lega di A quasi ultimatum agli spagnoli

next