La burocrazia contro il presidio solidale

Continua a rimanere chiuso l’ambulatorio solidale di Tor Bella Monaca, punto di prima accoglienza sanitaria per gli ultimi della periferia più difficile di Roma. Sono passati quasi due mesi e la Regione Lazio non ha ancora trovato una soluzione. A chi interessano i locali dell’ambulatorio di via Aspertini 520? Sono stati promessi a un’altra onlus […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.